CSV Avellino: “La privacy ben organizzata e sostenibile”
UN PERCORSO E UNA PROPOSTA DEL CSV IRPINIA SOLIDALE PER SOSTENERE LE ASSOCIAZIONI NEL PROCESSO DI ADEMPIMENTO DELLA NORMATIVA PRIVACY - Il CSV Irpinia Solidale, in collaborazione con la società “IRIS Idee e reti per l’impresa sociale” che si occupa di problematiche privacy delle OdV da molti anni, propone alle associazioni della provincia di Avellino un percorso di affiancamento per adempiere correttamente alla produzione della documentazione e all’adempimento del altri obblighi previsti dalla normativa privacy recentemente completamente rinnovata dal Regolamento Europeo 2016/679. A tale scopo il CSV Irpinia Solidale ha realizzato, con la collaborazione di IRIS e del dott. Fabio Lenzi il consulente senior messo a disposizione dalla stessa società, un file di raccolta informazioni per favorire l’omogeneità dei percorsi formativi/informativi e di consulenza per le Associazioni che operano negli stessi settori. Dopo la compilazione e il rinvio al CSV dell’Allegato1 “Scheda dati privacy associazioni”, le associazioni potranno partecipare ad un incontro, formativo ed informativo, che fornirà le basi per compiere gli adempimenti richiesti dalla legge. Tale percorso sarà condiviso con altre associazioni che – dall’analisi delle notizie ricavate dall’allegato – hanno caratteristiche similari per tipologia di servizi, dimensione, complessità organizzativa. Il percorso formativo avrà inizio il prossimo settembre ed è gratuito. Per maggiori informazioni: 0825786108.
 
CSV Napoli - Adeguamenti statutari: ancora 2 incontri in programma
Continua l'azione di supporto alle associazioni per l'adeguamento degli Statuti. I prossimi incontri sono previsti per il 4 e per l'11 luglio 2019 nella sede centrale del Csv di Napoli. Gli incontri sono aperti ad un massimo di 15 Organizzazioni per volta. Ogni Ente può indicare massimo due volontari a partecipare. Maggiori informazioni nell'area riservata del Csv di Napoli. www.csvnapoli.it
 
Archivio News

Archivio

 
Mission
Il sistema di finanziamento dell’attività di volontariato prevede l’intervento di vari soggetti:
  • Le Fondazioni di matrice bancaria che erogano le somme a favore delle organizzazioni di volontariato;
  • I comitati di Gestione che assegnano le somme suddette, ripartendole tra i Centri di Servizio;
  • I Centri di servizio medesimi che utilizzano tali somme per fornire servizi e prestazioni alle Organizzazioni di Volontariato.
Le Organizzazioni di Volontariato sono pertanto le effettive beneficiarie di tale impianto.

Il Comitato di gestione del Fondo speciale per il Volontariato della Regione Campania garantisce, attraverso l’azione dei Centri di Servizio al Volontariato, il corretto utilizzo delle risorse messe a disposizione dalle fondazioni di matrice bancaria, per sostenere l’attività di volontariato.

Il Comitato, che ha istituito i Centri di Servizio in ogni provincia campana, esercita una funzione di controllo sull’operato dei CSV, attraverso la continua verifica dell’effettivo svolgimento, da parte degli stessi di attività espletate in concreto favore del volontariato.

In particolare, il Comitato di gestione:
  • provvede ad individuare e a rendere pubblici i criteri per l´istituzione di uno o più Centri di servizio nella regione;
  • riceve le istanze per la relativa istituzione dei Centri di servizio e, sulla base di criteri e di scadenze preventivamente predeterminati e pubblicizzati, istituisce con provvedimento motivato i Centri di servizio;
  • istituisce l´elenco regionale dei Centri di servizio, pubblicizzandone l´esistenza;
  • pubblicizza le attività e i servizi che i Centri di Servizio al volontariato offrono gratuitamente a tutte le Organizzazioni che si occupano di volontariato sul territorio regionale;
  • nomina un membro degli organi deliberativi ed un membro degli organi di controllo dei Centri di servizio;
  • ripartisce annualmente, fra i Centri di servizio istituiti, le somme scritturate nel fondo speciale, sulla base di criteri e di scadenze preventivamente predeterminati e pubblicizzati;
  • riceve i rendiconti di esercizio da parte dei Centri di servizio e ne verifica la regolarità nonché la conformità ai rispettivi regolamenti.