5 DICEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE DEL VOLONTARIATO
I CSV E LA SFIDA DEI VOLONTARIATI - Casale di Teverolaccio (Succivo) 05/12/18 ore 16,30. - Disponibile servizio bus. Iscriviti! Il 5 Dicembre di ogni anno si celebra la Giornata internazionale del volontario per lo sviluppo economico e sociale, istituita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 17 dicembre 1985 con la Risoluzione 40/212: in questa occasione, tutti i governi degli stati membri sono invitati a valorizzare l’importante contributo del volontariato, in modo da incentivare la partecipazione solidale dei cittadini, sia nel proprio Paese sia all’estero. Per saperne di più vai su www.csvassovoce.it
 
Lavoriamo insieme alla Programmazione 2019 del CSV Napoli
Compila online il questionario di rilevazione dei bisogni! - CSV Napoli chiede la partecipazione dei volontari per elaborare insieme la programmazione 2019. Compilando il breve questionario che segue ci aiuterai ad individuare gli obiettivi prioritari verso cui orientare le attività del prossimo anno e continuare così a sostenere le associazioni della città metropolitana di Napoli. L’indagine on-line rimarrà attiva fino al 30 novembre 2018. Per i dettagli vai su www.csvnapoli.it
 
Archivio News

Archivio

 
I centri di servizio
Ai Centri di servizio è affidata l'erogazione dei servizi destinati alle organizzazioni di volontariato (iscritte e non nei registri regionali) al fine di sostenerne e qualificarne l'attività.

I Centri di Servizio vengono istituiti dal Comitato di gestione su richiesta che può essere presentata dagli enti locali, dalle organizzazioni e federazioni di volontariato e dalle fondazioni di origine bancaria.
Il Centro di servizio può essere gestito da un'organizzazione di volontariato o, in alternativa, un'entità giuridica costituita da organizzazioni di volontariato o con presenza maggioritaria di esse.

La caratteristica peculiare dei Centri di servizio è quindi di essere al contempo al servizio delle organizzazioni di volontariato e da queste gestiti, realizzandosi così il principio di autonomia del volontariato che la L. 266/91 ha inteso affermare.

Il Decreto Ministeriale dell'8 ottobre 1997 specifica alcune delle prestazioni mediante le quali i Centri di Servizio perseguono lo scopo di sostenere e qualificare l'attività di volontariato stabilendo che esse siano erogate sotto forma di servizi.

In particolare, secondo la norma, i Centri di servizio:
  • approntano strumenti ed iniziative per la crescita della cultura della solidarietà, la promozione di nuove iniziative di volontariato ed il rafforzamento di quelle esistenti;
  • offrono consulenza e assistenza qualificata, nonché strumenti per la progettazione, l'avvio e la realizzazione di specifiche attività;
  • assumono iniziative di formazione e qualificazione degli aderenti alle organizzazioni di volontariato;
  • offrono notizie, informazioni, documentazioni e dati sulle attività di volontariato.

L'elencazione della norma non esaurisce il ventaglio di tutte le possibili attività dei Centri di servizio, ma contribuisce in modo piuttosto chiaro a delinearne la tipologia.